Network Lupo Piemonte

Una rete regionale per il monitoraggio e la gestione dei predatori

Gli Enti che costituiscono il Network Lupo Piemonte | F. Marucco

Il Network Lupo Piemonte è costituito da una rete di operatori tecnici che appartengono ad amministrazioni pubbliche che collaborano con i ricercatori del Centro Grandi Carnivori per monitorare e gestire la presenza del lupo a livello regionale. Il monitoraggio e la gestione della lince interessano soltanto la Provincia del Verbano-Cusio-Ossola, attualmente l'unica zona in cui sia stata documentata la presenza del predatore sul territorio regionale.
Il Network Lupo Piemonte è composto da 407 operatori appartenenti a 43 Enti distribuiti sull’intero territorio piemontese e alpino (Aree protette regionali e nazionali, Regioni e Province, Città Metropolitana di Torino, Carabinieri-Forestale e costituisce pertanto una risorsa di alta qualità a lungo termine e collabora con le Università, i Servizi Sanitari regionali (A.S.L.), l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale (I.Z.S.) e i Comprensori Alpini di caccia.

Gli Enti che partecipano all’attuazione e valutazione del monitoraggio del lupo in Regione Piemonte e che costituiscono il Network Lupo Piemonte sono:
- Regione Piemonte – Settore Biodiversità ed Aree Naturali
- Centro di Referenza Grandi Carnivori
- Ente di gestione delle Aree protette delle Alpi Marittime
- Ente di gestione delle Aree protette dell’Appennino Piemontese
- Ente di gestione delle Aree protette del Monviso
- Ente di gestione delle Aree protette delle Alpi Cozie
- Ente di gestione delle Aree protette dell'Ossola
- Ente di gestione delle Aree protette del Po Torinese
- Ente di gestione delle Aree protette della Valle Sesia
- Ente di gestione delle Aree protette del Ticino e del Lago Maggiore
- Parco Nazionale del Mercantour (Francia)
- Parco Nazionale del Gran Paradiso
- Parco Nazionale della Val Grande
- Provincia di Cuneo – Servizio Tutela Flora e Fauna, Caccia e Pesca, Polizia faunistico ambientale
- Città Metropolitana di Torino – Servizio Pianificazione e Gestione Rete Ecologica, Aree Protette e Vigilanza Ambientale | Servizio Tutela della Fauna e della Flora
- Provincia di Alessandria – Ufficio Tecnico Faunistico Provinciale ed Ittiofauna e Polizia Provinciale
- Provincia del Verbano Cusio Ossola – Polizia Provinciale e Settore Tutela della Fauna
- Provincia di Biella – Servizio Vigilanza Caccia e Pesca
- Carabinieri Forestale – Gruppo Carabinieri Forestale Alessandria
- Carabinieri Forestale – Gruppo Carabinieri Forestale Cuneo
- Carabinieri Forestale – Gruppo Carabinieri Forestale Torino
- Carabinieri Forestale – Gruppo Carabinieri Forestale Verbano-Cusio-Ossola
- Carabinieri Forestale – Gruppo Carabinieri Forestale Biella
- CTA Parco Nazionale della Val Grande
- Consorzio Forestale Alta Valle di Susa
- Comprensori alpini: CACN1, CACN2, CACN3, CACN4, CACN5, CACN6, CACN7, CATO1, CATO2, CATO3, CABI1, CAVC1
- Ambito Territoriale di Caccia: ATCCN5, ATCCN4
- Museo Civico di Storia Naturale di Carmagnola
- Guardia di Finanza – Stazione S.A.G.F. di Domodossola e di Riva Valdobbia CAI - Gruppo Grandi Carnivori
- Azienda Faunistica Venatoria “La Bianca”, “Valloncrò”, “Vallone d’Otro”, “Val Formazza”, “Carcoforo-Rimasco” e “Albergian”
- Vigilanza ambientale del nucleo di Cuneo – WWF Italia
- Office National de la Chasse et de la Faune Sauvage (ONCFS)
- University of Montana – College of Forestry and Conservation, WildLIFE Biology (U.S.)
- Università degli Studi di Roma – Dipartimento di Biologia Animale e dell’Uomo
- Università degli Studi di Torino – Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi e Dipartimento di Scienze Veterinarie
- Servizi Veterinari Aziende Sanitarie Locali ASLCN1, ASLCN2, ASLTO3, ASLTO4